//
stai leggendo...
Appunti

Da tuo figlio


Queste sono le ultime parole che ho dedicato alla mia mamma, consapevole del fatto che nulla che io possa fare, dire, pensare o scrivere riuscirà mai nemmeno minimamente ad eguagliare quello che lei e papà hanno fatto nella loro vita per me e mio fratello.

La nostra prima foto insieme

La nostra prima foto insieme

Quando si è giovani e stupidi, certe manifestazioni di affetto vengono considerate non da uomini, e pertanto mettono a disagio.

Io che giovane e stupido sono stato, mi sono spesso vergognato delle tue attenzioni e delle tue premure nei miei confronti, quasi che esse potessero in qualche modo svilire la mia supposta virilità.

Telefonare quando si è lontani è roba da collegiali, portare con me in un lungo viaggio il panino che tanto premurosamente avevi preparato, o la frutta che avevi sbucciato e tagliato mi faceva sentire un inetto. Per non parlare degli abbracci, dei baci e delle carezze che mi riservavi quando uscivo o quando rientravo, e sapevo di trovarti dietro la porta di casa ad aspettarmi.

Poi la vita si diverte con te, e ribalta i ruoli.

Quando la malattia ha iniziato a portarti lontano da noi, quanta nostalgia di quelle premure, di trovarti dietro la porta carica di carezze abbracci e baci, che desiderio di sentirti parlare con me per telefono.

Piano piano le premure sono volate via come foglie nel vento, poi gli abbracci, infine le carezze che non riuscivi più a fare per il dolore che provavi. Alla fine anche le parole sono volate via, lontane.

Rimasero i baci, ancora copiosi. Poi, sempre meno, fino a che restarono solamente gli sguardi e i sorrisi.

Allora fui io a iniziare a carezzarti e baciarti, anche se non era roba da uomini.

E più quei baci cadevano nel nulla, più diventavano preziosi: fino a quell’ultimo bacio della buonanotte che ti ho dato sussurrandoti ti voglio bene e sapendo in fondo al mio cuore che sarebbe probabilmente stato l’ultimo.

Hai aspettato quasi diciassette anni per poterti riunire con lui, diciassette anni in cui non ci hai mai fatto mancare il tuo amore. E adesso è così che mi piace pensarti: felice finalmente accanto a papà. Fai buon viaggio mamma, e ancora e per sempre, ti voglio bene.

Informazioni su Marcello Rodi aka "Rodmark"

Redattore di Endzone.it, commentatore NFL, appassionato di golf, sport e cinema e romanziere da strapazzo...

Discussione

Un pensiero su “Da tuo figlio

  1. Sono bellissime, intense e commoventi le parole che hai dedicato alla tua cara Mamma, Marcello!
    Chapeau!

    Pubblicato da ilmiosguardo | lunedì 09 marzo 2015, 16:52

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Archivio

Cinguettii… (@rodmark57)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: